IACC: Storia e seminari

CHI SIAMO

IACC (International Association of Color Consultant/Designers) prepara ed accredita progettisti e consulenti del colore che operano principalmente nell’ ambito dell’architettura del design e in tutti i settori in cui la cultura progettuale del colore riveste un ruolo fondamentale. IACC è l’unica associazione autorizzata a rilasciare il diploma internazionale“IACC qualified Color Consultant/ Designer”e rappresenta ufficialmente le categorie professionali del Colour Consultant e del Colour Designer che, soddisfacendo i severi standard di qualificazione, hanno ottenuto la cerificazione di “IACC Associate Members”.

STORIA

Nel 1957 circa 50 professionisti, tra architetti, designer, insegnanti, psicologi e ricercatori scientifici appartenenti a 12 nazioni diedero vita a Hilversum, nei Paesi Bassi, all’Associazione Internazionale dei Consulenti del Colore (IACC). Alla base vi era la constatazione della pressoché totale assenza della figura professionale del consulente del colore e soprattutto la necessità di sviluppare un’adeguata formazione in questo ambito specifico. Il primo presidente di IACC fu il dott. Heinrich Frieling, psicologo, biologo, filosofo e autorità indiscussa nel campo del colore, già fondatore dell’Institute of Color Psychology in Germania. Nel 1957, il dott. Frieling in collaborazione con autorevoli esperti di architettura, design, psicologia, arte e di molte altre discipline attinenti la progettazione, stilò un programma formativo finalizzato al conseguimento del Diploma IACC. Il programma didattico non intendeva solo fornire le basi per un utilizzo consapevole del colore ma insisteva sulla necessità di formare professionisti in grado di applicare tutte le conoscenze interdisciplinari indispensabili per rendere l’ambiente costruito più equilibrato e funzionale.

IL NOSTRO APPROCCIO PROFESSIONALE

L’argomento colore, può essere analizzato da infiniti punti di vista, perché investe ogni campo del sapere. Dalla filosofia alle scienze naturali, dalla biologia alla medicina, dall’antropologia alla psicologia, dalla fisica alla teoria del colore, dal design all’ergonomia visiva, dall’architettura all’arte. Il design del colore è un settore professionale che richiede esperti con competenze specifiche. Studi recenti hanno confermato che la nostra reazione al colore è totale: ne siamo influenzati sia psicologicamente che fisiologicamente. Considerare il colore un “mero fattore estetico” riducendolo ad un fenomeno legato all’interpretazione personale è sbagliato e controproducente. Altrettanto errato è seguire passivamente le tendenze del colore nel design e nella moda. Per formulare un progetto del colore efficace sono necessarie conoscenze umanistiche e scientifiche in grado di guidare il designer nella scelta delle tecniche e dei materiali più idonei alla sua realizzazione.

CORSI DI BASE PER LA FORMAZIONE E L’ACCREDITAMENTO IACC

Psicologia dell’ambiente

Color design nell’architettura ambientale

Colore, ambiente e reazione umana

Analisi dei cromatismi di un ambiente

Effetti psico-fisiologici

Elementi neuro-psicologici

Effetti psicologici

Psicosomatica e relazioni con il design

Ergonomia visiva

Psicologia della percezione

Approfondimenti di psicologia del colore

Colore come informazione nella comunicazione

Aspetti fondamentali della teoria del colore

Fondamenti e terminologia della luce

Effetti biologici della luce

COLORE NEGLI SPAZI ARCHITETTONICI

- Strutture mediche e psichiatriche

- Uffici

- Stabilimenti industriali e di produzione

- Strutture educative

- Attività commerciali

- Alberghi e ristoranti

- Zone residenziali

- Spazi urbani

DIPLOMA E ACCREDITAMENTO IACC

Il conseguimento del Diploma IACC richiede la frequenza di tutti e quattro i corsi IACC, la presentazione di un progetto realizzato (prevalentemente nelle aree dell’architettura ambientale, della psicologia del colore e del marketing), il superamento di un esame orale e lo svolgimento di una tesi di laurea finale con conseguente valutazione di idoneità.

IL COMITATO ESECUTIVO IACC

Una commissione speciale composta da esperti di varie nazioni, guidata dal presidente Frank H. Mahnke, esamina i curricula pervenuti all’associazione. Al Comitato esecutivo è affidato anche il costante aggiornamento del programma didattico e l’insegnamento a cui collaborano anche docenti esterni.

È POSSIBILE PARTECIPARE AI SEMINARI SENZA CONSEGUIRE IL DIPLOMA?

Coloro che desiderano semplicemente ampliare il proprio bagaglio culturale e non hanno la necessità di conseguire il Diploma IACC possono iscriversi ad uno dei quattro corsi di base frequentando il “Seminario n.1”. L’ Accreditamento dei membri IACC è subordinato al completamento del ciclo dei quattro corsi.

COSA RENDE UNICO UN COLOR CONSULTANT/DESIGNER CERTIFICATO IACC?

La preparazione di un Color Consultant/Designer IACC va oltre la formazione convenzionale dei corsi di architettura e di design che si limita a poche nozioni di teoria del colore. Il programma di accreditamento IACC prevede lo studio di diverse discipline correlate con il colore in tutte le sue sfaccettature:

dal rapporto con la luce negli ambienti fino alle sue applicazioni nel marketing. Il professionista IACC valuta attentamente gli effetti del colore sull’essere umano per rendere l’ambiente più vivibile sia funzionalmente che esteticamente e supportare così ciascuna delle azioni che verranno svolte al suo interno.

PROGRAMMI DIDATTICI IACC NEL MONDO

Europa:

IACC Academia Salzburg for Color and Environment, Salisburgo, Austria. vicepresidente IACC International: Edda Mally – eddamally@hotmail.com

Nord America:

IACC Academy – Seminars for Color and Environment, San Diego, California.

USA. www.iaccna.org

Asia:

IACC Schools of Japan for Color and Interior Design, Nagoya City, Tokyo, Fukuoka, Kyoto, Hiroshima, Sapporo.

IACC organizza inoltre corsi alta formazione in diversi paesi. La preparazione interdisciplinare offerta da IACC è stata adottata come modello in molte università come Berkeley, UCLA ed altri prestigiosi istituti. IACC ha inoltre collaborato alla formulazione del percorso didattico del Master in Color Architecture della facoltà di Architettura di Lisbona. In Italia IACC si occupa di programmi formativi specifici e workshop per alcuni corsi post-laurea e Master (Naba Milano, Domus Academy Milano, Accademia di Verona).

PERCHÈ I SERVIZI OFFERTI DA UN COLOR CONSULTANT/DESIGNER CERTIFICATO IACC COSTITUISCONO UNA RISORSA?

Il Color Consultant/Designer IACC non si affida a supposizioni ma applica la cultura progettuale del colore che filosoficamente si basa sull’interazione tra arte e scienza. Il professionista certificato IACC si astiene da opinioni esclusivamente soggettive, legate al gusto personale e prende le distanze da nozioni fisse e preconcette. È consapevole che il colore e la luce sono fattori determinanti nella progettazione.

L’architettura e il design ambientale sono chiamati a servire il genere umano e, pertanto, devono essere “umani”. Un buon progetto del colore valorizza qualsiasi forma e qualsiasi funzione in ogni ambito del design. Solo una formazione specifica e interdisciplinare offre gli strumenti necessari a soddisfare, nei vari ambiti della progettazione, le esigenze funzionali ed estetiche che consentono di ottenere una piena integrazione tra uomo e ambiente costruito. Anche nella comunicazione il colore costituisce l’elemento chiave, forse l’unico capace di saldare tutte le componenti filosofiche psicologiche e sociologiche di un prodotto.

Un color consultant/designer IACC viene preparato per seguire il cliente sia nell’analisi che nella realizzazione del progetto e soddisfare così la committenza e di riflesso l’utente finale.

L’ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DEI CONSULENTI E PROGETTISTI DEL COLORE

Nel 1957 circa 50 professionisti, tra architetti, designer, insegnanti e ricercatori scientifici, appartenenti a 12 nazioni, diedero vita a Hilversum, nei Paesi Bassi, all’Associazione Internazionale dei consulenti del colore (IACC), oggi conosciuta come International Association of Color Consultant/Designers. La motivazione fondamentale era costituita da una pressoché totale mancanza di consulenti professionisti e di un’adeguata formazione professionale a tutto campo.
La IACC ribadì che il colore e la luce erano i fattori di maggiore importanza dell’ambiente architettonico. L’architettura e il design ambientale sono chiamati a servire il genere umano e, pertanto, devono essere “umani”. Da parte dei fondatori dell’associazione si avvertiva l’esigenza che le varie professioni connesse alla creazione architettonica rivolgessero la loro attenzione alla risposta psicologica e fisiologica dell’uomo, ed era proprio questo il momento in cui un consulente del colore doveva assumersi le sue responsabilità. Si apriva altresì la questione sul fatto che la “consulenza sul colore” fosse da considerarsi pertanto una professione a pieno diritto e che dovesse rispondere ai medesimi standard qualitativi richiesti per altre attività professionali.

I SEMINARI DELLA IACC

L’associazione sviluppò la filosofia di un progetto consapevole dell’ambiente architettonico grazie all’interazione tra arte e scienza. Sempre nel 1957 l’associazione fissò un programma di formazione professionale interdisciplinare sotto la direzione del suo primo presidente, il dottor Heinrich Frieling, psicologo, biologo, filosofo e autorità indiscussa nel campo del colore. Il programma didattico non intendeva soltanto fornire le basi fondamentali per una competente padronanza delle leggi che governano l’uso del colore ma anche insistere sulla necessità di formare dei professionisti dotati di quelle conoscenze globali indispensabili alla creazione di un ambiente benefico e utile.
Al programma di studi della IACC, noto in seguito come Seminari di Salisburgo sullo studio del colore e dell’ambiente, viene riconosciuto un approccio globale a tutti i settori connessi con l’utilizzo del colore: fisica. psicologia, fisiologia, biologia, colore come informazione, ergonomia visiva, tecnologia di illuminazione, teoria dei colori e così via. Quanti frequentano il ciclo completo di lezioni possono aspirare al diploma IACC di Consulente e progettista del colore presentando un lavoro di tesi e superando un esame conclusivo davanti ad una commissione formata da esperti a livello internazionale.
Attraverso questo programma di studi, l’associazione ha altresì fissato le linee generali, i criteri e le modalità di accreditamento per la professione di un consulente e progettista del colore IACC. Un comitato di esperti di varie nazioni, membri della IACC e guidati da Frank H. Mahnke, in qualità di presidente, esaminano i curricula che pervengono all’associazione.

ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CONSULENTI DEL COLORE DELLA IACC

La IACC è rappresentata in Europa dalla European Association of Color Consultants (EACC). Oltre a condurre seminari di studio e a rappresentare in Europa la professione del consulente e progettista del colore e quella di psicologo del colore, la EACC opera anche per favorire una maggiore sensibilità verso l’esigenza di una progettazione consapevole, ottenere un maggiore riconoscimento della professione e innalzare gli standard professionali. La EACC investe grandi energie per garantire lo svolgimento di un programma di formazione di alta qualità, invitando ai propri seminari esperti riconosciuti nei vari settori.

I SEMINARI DELLA IACC NEGLI STATI UNITI

I seminari della IACC hanno debuttato negli Stati Uniti nel 1991, affiancandosi così a quelli condotti in Europa. I seminari sono organizzati in collaborazione con l’American Information Center or Color and Enviroment di San Diego in California.

L’ASSOCIAZIONE NORDAMERICANA DEI CONSULENTI E PROGETTISTI DEL COLORE DELLA IACC

Nel 1994, con la partecipazione dei primi laureati ai seminari organizzati in America, venne fondata la NAACC (North American Association of Color Consultants/Designers). L’associazione si attiene alle medesime regole generali e ha gli stessi obiettivi della sua controparte europea (EACC); la NAACC è inoltre il rappresentante ufficiale della IACC negli Stati Uniti.

IL COMITATO ESECUTIVO DELLA IACC

Il comitato esecutivo della IACC verifica gli obbiettivi e l’attività della EACC e della NAACC, esamina i candidati alla laurea della IACC e promuove a livello internazionale i principi filosofici che guidano l’associazione. Fanno parte del comitato esperti di architettura , arte, scienza del colore, progettazione ambientale e psicologia, in rappresentanza di 14 paesi.