Un “Nuovo Paesaggio Cromatico” alla 10° Biennale di Architettura di Venezia

Il progetto “Nuovo Paesaggio Cromatico”, del colour e music consultant Massimo Caiazzo, docente ordinario di cromatologia e tecniche grafiche speciali presso l’Accademia “Cignaroli” di Verona, è stato ufficialmente incluso tra gli eventi collaterali della 10° Biennale di Architettura di Venezia, che si terrà dal 10 al 19 settembre prossimi.

La partecipazione di Massimo Caiazzo a una così importante manifestazione non è solo un prestigioso riconoscimento personale per l’attività svolta in questi ultimi dodici anni, ma anche un’ulteriore dimostrazione che il tema del colore sta diventando di grande attualità anche al di fuori della ristretta cerchia degli addetti ai lavori. Attraversando e, allo stesso tempo, unendo ambiti e discipline diverse e proponendosi, quindi, come un contenitore semantico in grado d’accogliere non solo tutte le arti figurative, ma anche il design e l’architettura.

La presenza di Massimo Caiazzo alla Biennale di Venezia si concretizzerà in un’esposizione intitolata “Nuovo Paesaggio Cromatico“: un’installazione esperienzale e una scenografia dinamica, che coinvolgendo i cinque sensi dello spettatore, coniuga le relazioni tra colore, percezione artistica e pratica del quotidiano. E allo stesso tempo è una mostra in cui l’autore raccoglie tutti suoi ultimi progetti e realizzazioni.

Per esempio, il lavoro effettuato nel 2005 sui nuovi autobus “ecologici” di Verona -  commissionatagli dall’azienda municipalizzata di trasporti pubblici della città, l’AMT – che hanno avuto un’entusiastica accoglienza da parte dei cittadini. O il lavoro sui colori studiati ad hoc per gli elementi di arredo urbano della città di Napoli (orologi, totem informativi, panchine, colonne meteo e cestini porta-rifiuti).

La mostra sarà inaugurata il giorno mercoledì 6 settembre alle ore 19.00, con un concerto-evento realizzato con la collaborazione del gruppo Collective Intelligence. Un “atto unico” in cui vari artisti (tra cui Raiz, musicisti, vj e dj) “metteranno in scena” in una sessione musicale e teatrale suggestioni, emozioni, analisi e sinestesie (l’unità delle percezioni sensoriali) proprie del tema del colore.

Per il giorno 8 settembre alle ore 18.30, invece, è previsto un intervento del professor Alberto Oliviero dal titolo “Mente Cervello e Colore“: un seminario non convenzionale condotto da un neuroscienziato di chiara fama, come il professor Oliviero, sui rapporti tra colore e cervello dal punto di vista percettivo-cognitivo, rivolto però al grande pubblico.

Per i giornalisti interessati ad approfondire alleghiamo:

1)    Un estratto dell’introduzione al catalogo della mostra a cura di Carlo Damiani (file: Intro- La città del colore.doc)

2)    Un breve sinapsi dell’intero progetto (file: sinapsiBREVE.pdf)

3)    Una scheda informativa con i dettagli dell’evento interattivo che inaugurerà la mostra (file: Scheda1- Evento interattivo «CZ_VPI2006».doc)

4)    Un esempio di progetti realizzato (File: Scheda2- progetto Verona.doc)

5)    La locandina del concerto inaugurale (file: synesthesia.jpg)

Sono disponibili a richiesta immagini in alta e bassa definizione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>