Massimo Caiazzo e il valore sociale del colore

Attorno all’architettura

martedì 8 novembre 2011, ore 19 – Como, via Volta 54

Ciclo di incontri a cura dell’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti, conservatori della provincia di Como

Como - Si conclude questa sera con Massimo Caiazzo, alle ore 19.30 presso la sede dell’Ordine degli Architetti PPC di Como in via Volta 54, il ciclo di incontri “Attorno all’architettura”, uno spazio aperto alle incursioni di chi non necessariamente è architetto e rivolto a un pubblico di non addetti ai lavori. Dopo gli sguardi del fotografo, dello scrittore e del filosofo sarà Massimo Caiazzo a offrire un punto di vista ancora diverso, quello del designer che utilizza il colore con la consapevolezza che è attraverso il suo uso che si configura un autentico meta-paesaggio emozionale.

Color consultant, vicepresidente dello IACC, l’associazione internazionale che riunisce i professionisti del colore, Caiazzo ritiene che il colore a livello urbanistico ed edilizio sia stato svuotato del suo valore sociale. Parte da questa esigenza, riportare il nostro habitat cromatico a una maggiore ricchezza, la sua ricerca per una migliore vivibilità abitativa e urbana.

Negli ultimi anni anche a livello urbanistico ed edilizio, ha prevalso la legge del livellamento collettivo e il colore è stato ridotto a elemento accessorio, completamente svuotato del suo valore sociale. Non è un caso che fenomeni come il “vandalismo” siano in continuo aumento proprio nei contesti urbani in cui dominano grigiore e spersonalizzazione. La cultura progettuale del colore rappresenta una risorsa preziosa poiché consente di recuperare e valorizzare il territorio con interventi poco onerosi e di rapida attuazione apportando benefici concreti alla qualità della vita.

Studi recenti hanno confermato che la nostra reazione al colore è totale: ne siamo influenzati sia psicologicamente che fisiologicamente. I colori stimolano emozioni, reazioni inconsce, assumono significati (soggettivi e collettivi) e concorrono, a configurare un autentico “meta-paesaggio emozionale”. Negli ultimi due secoli il nostro habitat cromatico ha subito una trasformazione radicale. Nelle città i colori della natura sono stati sostituiti dal grigio del cemento e dalla gamma dei metallizzati delle automobili. La rapidità di questo mutamento ha provocato una serie di sfavorevoli ripercussioni sull’ambiente mettendone a rischio la vivibilità.

Oggi è necessario sviluppare una rinnovata consapevolezza del nostro “fare paesaggio” nel pieno rispetto della sensibilità umana, della sua unicità e diversità mettendo da parte opinioni esclusivamente soggettive, scardinando almeno in parte nozioni fisse e preconcette. Una nuova frontiera della ricerca proiettata verso un più esteso, olistico concetto di “igiene abitativa”.

IACC International Association of Color Consultant/Designers

È nata nel 1957, quando circa 50 professionisti, tra architetti, designer, insegnanti, psicologi e ricercatori scientifici appartenenti a 12 nazioni diedero vita a Hilversum, nei Paesi Bassi, all’Associazione Internazionale dei Consulenti del Colore (IACC). Alla base vi era la constatazione della pressoché totale assenza della figura professionale del consulente del colore e soprattutto la necessità di sviluppare un’adeguata formazione in questo ambito specifico. Il primo presidente di IACC fu il dott. Heinrich Frieling, psicologo, biologo, filosofo e autorità indiscussa nel campo del colore, già fondatore dell’Institute of Color Psychology in Germania. Nel 1957, il dott. Frieling in collaborazione con autorevoli esperti di architettura, design, psicologia, arte e di molte altre discipline attinenti la progettazione, stilò un programma formativo finalizzato al conseguimento del Diploma IACC. Il programma didattico non intende solo fornire le basi per un utilizzo consapevole del colore, ma insiste sulla necessità di formare professionisti in grado di applicare tutte le conoscenze interdisciplinari indispensabili per rendere l’ambiente costruito più equilibrato e funzionale. IACC prepara e accredita progettisti e consulenti del colore che operano principalmente nell’ambito dell’architettura del design e in tutti i settori in cui la cultura progettuale del colore riveste un ruolo fondamentale. IACC è l’unica associazione autorizzata a rilasciare il diploma internazionale “IACC qualified Color Consultant/ Designer”e rappresenta ufficialmente le categorie professionali del Colour Consultant e del Colour Designer che, soddisfacendo i severi standard di qualificazione, hanno ottenuto la cerificazione di “IACC Associate Members”.

Per ulteriori informazioni:

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori

della Provincia di Como

via Volta 54, Como

info@ordinearchitetticomo.it

www.ordinearchitetticomo.it

IACC Italia – Ufficio Stampa

Lorenzo Di Palma

phone +39 347 827 00 42

lorenzo.dipalma@gmail.com

IACC International Association of Colour Consultants

alzaia naviglio pavese, 274 – 20142 Milano

www.iacc-italia.org – iacc.italia@massimocaiazzo.com

phone. +39  0222222896 – +39  3355927737

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>