Massimo Caiazzo collabora con JDX

MILANO, 10 maggio 2012 -

Dalla Korea con furore

Colore italiano e moda orientale

JDX, uno dei maggiori brand coreani di abbigliamento sportivo ha chiesto a Massimo Caiazzo – art director, designer e color consultant presidente di IACC Italia – di curare gli abbinamenti cromatici dei suoi prodotti.

Il risultato sono le nuove collezioni Spring Summer 2013 e Fall Winter 2013/14, interamente curate negli abbinamenti cromatici e nell’elaborazione dei pattern da Massimo Caiazzo, che sta riscuotendo non solo un grande successo di pubblico ma anche la costante attenzione dei media.

JDX (http://jdx.co.kr/showroom) opera principalmente sul mercato coreano, giapponese e cinese che sono alla base di un fatturato notevole, in buona parte investito nella ricerca stilistica e dei materiali. E, dal 2012, la collaborazione con Massimo Caiazzo, come color consultant ha aperto nuovi orizzonti ampliando ulteriormente il mercato miscelando international style e gusto italiano.

La nuova palette di colori si propone di offrire ai clienti JDX tre linee con una identità forte, in grado di coniugare il gusto del colore con la libertà estetica ed è per questo che il progetto si presenta come originale e unico.

La linea X3 Multisport usa i colori della natura, come un gioco tra mimetismo ed evidenza. Contrasti tra colori adiacenti come il verde con il giallo per integrare l’abbigliamento sportivo con i colori della natura e delle stagioni

La linea di X2 Urban Sport, è caratterizzata da colori metropolitani, tanti toni neutri con dettagli molto visibili, per rendere chi fa sport in città riconoscibile e sicuro. Lo scenario è la contemporaneità e i colori sono abbinati a materiali rivoluzionari. Contrasti di qualità, tonalità scure abbinate a colori vivaci.

La linea X1 Professional Golf unisce la tradizionale tavolozza elegante ed esclusiva di questa disciplina sportiva tradizione, con colori brillanti e riflettenti: un classico contemporaneo. Il colore è utilizzato non solo come un elemento estetico e decorativo, ma anche come colpo d’occhio, luminosità, che coinvolge i cinque sensi nella bellezza della natura.

(Per gli interessati sono disponibili foto in alta risoluzione delle collezioni e di Massimo Caiazzo)

Massimo Caiazzo

Nato a Napoli nel 1966, vive e lavora a Milano. Dal 1990 al 2006 ha collaborato con l’Atelier Mendini di Milano. Nel gennaio 2009 è stato nominato Vice-President for Italy dell’Excutive Committee dell’IACC-International Association of Color Consultants (www.iaccna.org). Dal 2003 è Docente di graphic design e cromatologia presso l’Accademia “Cignaroli” di Verona, di colour design presso il dipartimento di Fashion Design della Nuova Accademia di Belle Arti (NABA) e di corsi di approfondimento sul colore nella progettazione alla Domus Academy di Milano.

Lo studio della “nuova percezione del suono e del colore” è il filo conduttore del suo lavoro, caratterizzato da una certa ironia esistenziale e dall’eclettismo professionale e artistico, improntato alla contaminazione tra le diverse discipline. Nella sua attività di Colour Consultant, dal ‘94 ad oggi, ha sviluppato studi cromatici in diversi settori: nautico, automobilistico (Fiat 500, Lancia Y), nel trasporto pubblico (autobus a gas naturale di Verona), nell’arredo urbano (Napoli), nell’architettura d’interni (casa-studio di Gianna Nannini, Milano; Banca Albertini Syz, Milano;), nel design (Philips, Alessi, Swatch, Gruppo Trend), nella moda (Etro, Alberto Guardiani), nell’exhibit design e nel concept di mostre (Essere-Benessere, Triennale di Milano; Normali Meraviglie, Genova), nell’ideazione di eventi e performance (Colour is Music, Salone del mobile di Milano; Synestesia, Milano; Eventi Collaterali della 10° Biennale di Architettura di Venezia), in ambito artistico (è autore con Alessandro Mendini di “Biancaneve”, scultura ispirata ai sette colori dell’arcobaleno, collezione “Future Film Festival”) e per la prima volta in Europa, anche per un istituto di pena, con il progetto di riqualificazione cromatica no-profit “Colore al carcere di Bollate“.

Suoi lavori sono presenti al Museum fur Kunst und Gewerbe di Amburgo e al Museé de la Publicité del Louvre a Parigi.

 

Per ulteriori informazioni:

Massimo Caiazzo Ufficio Stampa

Lorenzo Di Palma

347 827 00 42

lorenzo.dipalma@gmail.com -press@iacc-italia.org