Il Colore nei loughi di cura

Mercoledì 8 giugno in Via Savona, 11 alle ore 19.00 – Ingresso Libero

un incontro con Massimo Caiazzo e l’IACC alla Design Library di Milano

Il vice-president dell’Executive Committee for Italy dell’International Association of Color Consultant/Designer animerà un incontro dedicato al “Clima Cromatico”

Milano, 1 giugno 2011 Nell’ambito delle attività di diffusione e promozione delle tematiche legate alla cultura architettonica del colore, Massimo Caiazzo – docente alla Naba di Milano e all’Accademia delle Belle Arti di Verona, nonché executive vice-president per l’Italia dell’IACC (International Colour Consultant Association), la più antica delle associazione formate da professionisti del colore – terrà un incontro divulgativo incentrato sul colore e le esperienze dell’IACC.

Nel corso della serata organizzata da Design Library di Milano, Massimo Caiazzo proporrà infatti una sintesi del “Seminario n2 (che si terrà dal 19 al 23 giugno 2011)” dedicato alla progettazione del colore nei luoghi di cura che riveste un’importanza fondamentale anche nel percorso formativo di IACC.

Esistono pochissimi testi che affrontano con rigore scientifico gli effetti del colore nei luoghi di cura e tra questi i più significativi raccolgono gli sudi condotti da due insigni studiosi, autorità indiscusse nel campo del colore: il dottor Heinrich Frieling (fondatore e primo presidente della IACC), psicologo, biologo, filosofo, già fondatore dell’Institute of Color Psychology in Germania e il professor Frank Mahnke (presidente della IACC attualmente in carica), che per primo ha formulato il disciplinare internazionale relativo al clima cromatico nei luoghi di cura.

Studi recenti hanno confermato che la nostra reazione al colore è totale: ne siamo influenzati sia psicologicamente che fisiologicamente. Per formulare un progetto efficace in un ambito complesso come quello dei luoghi dedicati alla cura della salute sono necessarie conoscenze umanistiche e scientifiche in grado di guidare il designer nella scelta delle tecniche e dei materiali più idonei alla sua realizzazione. Per questo solo una formazione specifica e interdisciplinare offre gli strumenti necessari a soddisfare, in questo specifico ambito della progettazione, le esigenze funzionali ed estetiche che consentono di ottenere una piena integrazione tra uomo e ambiente costruito.

IACC Italia dedica particolare attenzione al “valore sociale del colore”, con un impegno costante che quest’anno ci ha permesso di sviluppare due progetti di riqualificazione cromatica NO PROFIT contribuendo a migliorare l’estetica e la vivibilità complessiva di luoghi che per varie ragioni, non hanno potuto godere dell’attenzione che meritavano. Ad aprile abbiamo completato la riqualificazione cromatica degli interni della chiesa di Santa Maria Maggiore a Mirabella Eclano in provincia di Avellino mentre attualmente siamo impegnati nel progetto dei colori di un asilo nido all’interno del carcere di Bollate (MI) che sarà realizzato da una squadra di detenuti e verrà ultimato entro la fine dell’anno.

IACC è un’associazione senza fini di lucro che persegue esclusivamente scopi di pubblico interesse nel campo della formazione, della ricerca e della progettazione del colore. Da oltre cinquanta anni IACC organizza corsi di alta formazione e promuove il riconoscimento delle figure professionali del Colour Consultant e del Colour Designer. Nel 2009 nasce IACC Italia che, nel pieno rispetto del disciplinare internazionale, si impegna concretamente a valorizzare e regolamentare, su tutto il territorio nazionale, le attività di ricercatori e progettisti del colore.

IACC International Association of Color Consultant/Designers

È nata nel 1957, quando circa 50 professionisti, tra architetti, designer, insegnanti, psicologi e ricercatori scientifici appartenenti a 12 nazioni diedero vita a Hilversum, nei Paesi Bassi, all’Associazione Internazionale dei Consulenti del Colore (IACC). Alla base vi era la constatazione della pressoché totale assenza della figura professionale del consulente del colore e soprattutto la necessità di sviluppare un’adeguata formazione in questo ambito specifico. Il primo presidente di IACC fu il dott. Heinrich Frieling, psicologo, biologo, filosofo e autorità indiscussa nel campo del colore, già fondatore dell’Institute of Color Psychology in Germania. Nel 1957, il dott. Frieling in collaborazione con autorevoli esperti di architettura, design, psicologia, arte e di molte altre discipline attinenti la progettazione, stilò un programma formativo finalizzato al conseguimento del Diploma IACC. Il programma didattico non intende solo fornire le basi per un utilizzo consapevole del colore, ma insiste sulla necessità di formare professionisti in grado di applicare tutte le conoscenze interdisciplinari indispensabili per rendere l’ambiente costruito più equilibrato e funzionale. IACC prepara e accredita progettisti e consulenti del colore che operano principalmente nell’ambito dell’architettura del design e in tutti i settori in cui la cultura progettuale del colore riveste un ruolo fondamentale. IACC è l’unica associazione autorizzata a rilasciare il diploma internazionale “IACC qualified Color Consultant/ Designer”e rappresenta ufficialmente le categorie professionali del Colour Consultant e del Colour Designer che, soddisfacendo i severi standard di qualificazione, hanno ottenuto la cerificazione di “IACC Associate Members”.

Per ulteriori informazioni:

IACC Italia – Ufficio Stampa

Lorenzo Di Palma

phone +39 347 827 00 42

lorenzo.dipalma@gmail.com

IACC International Association of Colour Consultants

alzaia naviglio pavese, 274 – 20142 Milano

www.iacc-italia.org – iacc.italia@massimocaiazzo.com

phone. +39  0222222896 – +39  3355927737

DesignLibrary

via Savona, 11

20144 Milano

T. 02 89421225

FAX  02 89421535

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>