COREA, UNIVERSITÀ DI HONGIK: LECTIO MAGISTRALIS SUL COLORE DI MASSIMO CAIAZZO

A Seul, giovedì 19 luglio 2012

Nella stessa giornata il vice president di IACC parlerà di “Design and the Philosophy and Science of Colours” anche al pranzo con gli imprenditori locali organizzato dalla Camera di Commercio Italiana

Giovedì 19 luglio 2012 Massimo Caiazzo, designer e colour consultant, vice president dell’IACC, terrà una “Lectio magistralis about colours” a studenti e professori della Hongik University di Seul, ateneo rinomato in Asia per le materie artistiche e il design. Nella stessa giornata il professor Caiazzo interverrà con uno speech specifico al pranzo con il mondo imprenditoriale coreano organizzato per l’occasione dalla Camera di Commercio Italiana con la collaborazione del Korean-Swiss Business Council.

L’Hongik University (www.hongik.ac.kr/english_neo/) è stata fondata come campus universitario a Seoul nel 1946. Il suo obiettivo accademico è “creare un legame più stretto possibile tra Accademia e industria”. Il suo nome “Hongik” si può tradurre come “al servizio dell’umanità”. Frequentata da oltre 15mila studenti, offre una preparazione avanzata in varie discipline – dalle Pr, al Design, all’Ingegneria – ed è un punto di riferimento in Korea per la ricerca applicata e di base. Particolarmente rinomata è la sua scuola di design, l’IDAS (International Design for Advanced Studies: www.idas.ac.kr).

«Lo scopo del mio viaggio», ha dichirato Massimo Caiazzo, «oltre alla grande curiosità che mi muove verso la Corea, è cercare nuove sfide progettuali “esportando” competenze ed esperienze maturate in più di venti anni di proficue collaborazioni con importanti aziende e istituzioni. Un patrimonio culturale che da noi, a causa della crisi, perde continuamente valore».

“Design and the Philosophy and Science of Colours” è invece il titolo scelto dal professor Caiazzo per il suo intervention al “lunch” dell’Italian Chamber of Commerce in Korea (ITCCK: www.itcck.org) and the Swiss-Korean Business Council (SBKC: www.skbckorea.org) che si terrà, sempre giovedì 19 luglio al Grand Ambassador Hotel (Orchid Room, 19th floor). All’incontro è prevista la partecipazione di una folta delegazione di imprenditori asiatici.

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa

Lorenzo Di Palma

phone +39 347 827 00 42

lorenzo.dipalma@gmail.com

 

prof. Massimo Caiazzo, vice-president

IACC International Association of Colour Consultants

Alzaia Naviglio Pavese, 274 – 20142 Milano

www.iacc-italia.org – iacc.italia@massimocaiazzo.com

phone. +39 0222222896 – +39 3355927737

 

Italian Chamber of Commerce in KoreaITCCK

Tel. +82-2-402-4379

Fax +82-505-409-4379

Email: itcck@itcck.org

12F, SBC Bldg., 24-3 Yeouido-dong, Yeoungdeungpo-gu 150-718, Seoul, South Korea

IACC - International Association of Color Consultant/Designers

È nata nel 1957, quando circa 50 professionisti, tra architetti, designer, insegnanti, psicologi e ricercatori scientifici appartenenti a 12 nazioni diedero vita a Hilversum, nei Paesi Bassi, all’Associazione Internazionale dei Consulenti del Colore (IACC). Alla base vi era la constatazione della pressoché totale assenza della figura professionale del consulente del colore e soprattutto la necessità di sviluppare un’adeguata formazione in questo ambito specifico. Il primo presidente di IACC fu il dott. Heinrich Frieling, psicologo, biologo, filosofo e autorità indiscussa nel campo del colore, già fondatore dell’Institute of Color Psychology in Germania. Nel 1957, il dottor Frieling in collaborazione con autorevoli esperti di architettura, design, psicologia, arte e di molte altre discipline attinenti la progettazione, stilò un programma formativo finalizzato al conseguimento del Diploma IACC. Il programma didattico non intende solo fornire le basi per un utilizzo consapevole del colore, ma insiste sulla necessità di formare professionisti in grado di applicare tutte le conoscenze interdisciplinari indispensabili per rendere l’ambiente costruito più equilibrato e funzionale. IACC prepara e accredita progettisti e consulenti del colore che operano principalmente nell’ambito dell’architettura del design e in tutti i settori in cui la cultura progettuale del colore riveste un ruolo fondamentale. IACC è l’unica associazione autorizzata a rilasciare il diploma internazionale “IACC qualified Color Consultant/ Designer”e rappresenta ufficialmente le categorie professionali del Colour Consultant e del Colour Designer che, soddisfacendo i severi standard di qualificazione, hanno ottenuto la certificazione di “IACC Associate Members”. Per tutte le informazioni sui Seminari, le iscrizioni, le ultime iniziative svolte da IACC Italia e le attività in partenza, è possibile visitare il sito www.iacc-italia.org o contattare IACC Italia. Alzaia Naviglio Pavese, 274 – 20142 – Milano, e-mail: info@iacc-italia.org – tel. +39 02 22222896

Massimo Caiazzo

Nato a Napoli nel 1966, vive e lavora a Milano. Nel gennaio 2009 è stato nominato Vice-President for Italy dell’Excutive Committee dell’IACC-International Association of Color Consultants (www.iaccna.org). Dal 2003 è Docente di tecniche grafiche speciali e cromatologia presso il l’Accademia “Cignaroli” di Veronae di corsi di approfondimento sul colore nella progettazionepresso la Nuova Accademia di Belle Arti (NABA) e Domus Academy di Milano. Lo studio della “nuova percezione del suono e del colore” è il filo conduttore del suo lavoro, caratterizzato da una certa ironia esistenziale e dall’eclettismo professionale e artistico, improntato alla contaminazione tra le diverse discipline. Nella sua attività di Colour Consultant, dal ’94 ad oggi, ha sviluppato studi cromatici in diversi settori: nautico, automobilistico, trasporto pubblico, arredo urbano, architettura d’interni, design, moda, exhibit design, nell’ideazione di eventi e performance (per esempio gli Eventi Collaterali della 10° Biennale di Architettura di Venezia), in ambito artistico e per la prima volta in Europa, anche per un istituto di pena, con il progetto no-profit “Colore al carcere di Bollate“. Suoi lavori sono presenti al Beaubourg di Parigi, al Museum fur Kunst und Gewerbe di Amburgo e al Museé de la Publicité del Louvre a Parigi.