Il salotto comodo, a partire dai colori

A volte bastano le tinte giuste per rendere accogliente e rilassante un ambiente. Risponde il nostro colour consultant Massimo Caiazzo

Salve è la prima volta che visito il vostro sito ed ho letto ed apprezzato i vostri suggerimenti, vorrei chiedervi come tinteggiare il mio salotto (vorrei un caldo colore arancione) ed essendoci una scala, che porta al piano superiore, mi chiedevo se la parete che accompagna la scala fino alla prima rampa deve essere tinteggiata uguale o devo interrompere forse al primo scalino, magari con una cornice di gesso per delimitare, e, ancora, dopo la prima rampa si può proseguire con un colore diverso (bianco) per il resto della scala, e all’angolo tra la parete arancio e al bianca  come delimitare? 
grazie anticipatamente
Chiara Iezzi

Risponde Massimo Caiazzo
colour consultant/designer

gentile Chiara,
a proposito della sua domanda, per la parete che accompagna la scala le consiglio l’accostamento di un colore che, all’interno del cerchio cromatico, occupi una posizione adiacente all’ arancione, come per esempio il giallo di Napoli. Leonardo da Vinci sosteneva che l’accostamento ideale dei colori deve seguire l’arcobaleno che è proprio una sequenza di contrasti tra colori adiacenti.


L’arancione è un colore caldo, luminoso e vivace ed è sicuramente molto adatto a rendere accoglienti gli ambienti destinati alle attività sociali anche perché, dal punto di vista psicologico è considerato stimolante per l’attività e il movimento. 
Non bisogna però dimenticare che l’arancione è una tonalità decisamente autunnale, stagione durante la quale le sue sfumature ricoprono alberi, foglie e terreno ed è proprio per questo che assume a volte un senso di malinconia e tristezza. E’ questa sua duplice natura, vitale e malinconica, a far sì che l’arancione venga percepito come un colore mutevole come dimostra la sua stessa gamma che oscilla tra la dominante rossa e quella gialla.


Nell’ambiente domestico, soprattutto se si hanno a disposizione spazi limitati, gli arancioni saturi possono risultare iperstimolanti ed inoltre, in estate, la percezione della temperatura  potrebbe rivelarsi eccessivamente calda. 
Partendo da queste considerazioni, le suggerisco di puntare su un arancione luminosissimo, molto vicino al color albicocca chiaro. 
Questa tonalità infatti, grazie alla dominante tendente al giallo, riesce ad attenuare la componente rossa che, a livello fisiologico, provoca un aumento della pressione arteriosa accelerando la percezione del tempo trascorso in un ambiente. Per quanto riguarda le associazioni olfattive e legate al gusto, il colore albicocca evoca profumi leggermente speziati e sapori dolci e delicati

Da La Repubblica Casa&Design 13 settembre 2011

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>