LA NUOVA PERCEZIONE DEL COLORE

stemma_biennale

collective_intelligence

Biennale di Venezia – 10 Mostra Internazionale di Architettura -

- Eventi collaterali -
Colore e Sinestesia
Un viaggio nella nuova percezione del colore che investe tutti i cinque sensi

Ideazione e produzione artistica: Massimo Caiazzo, Raffaele Cardone, Paolo Giulini
Project management: Ilenia Zampini, Francesca Piantavigna

“CZ_VPI2006” Centro Zitelle: VIDEO PERFORMANCE & STREET ART ESPERIENZE SINESTETICHE NELLO SCENARIO URBANO

C.Z.95 – Giudecca-Zitelle 95;  Venezia.

ORARI DI APERTURA:

6/9  15/10: dal Martedì alla Domenica dalle 14.00 alle 18.00

18/10  19/11: Mercoledì, Sabato e Domenica dalle ore 14.00 alle ore 18.00

Venezia – 6 settembre 2006 – “La Nuova Percezione del Colore” è un’installazione nuova e originale, con un marcato valore “esperienziale” dove il pubblico non è più semplice spettatore, ma parte attiva di un vero e proprio viaggio nella percezione. Il colore introduce in una dimensione vivace e continuamente cangiante che investe simultaneamente i cinque sensi, restituendo una nuova percezione, la “sinestesia”. Collective Intelligence, offre al pubblico una ricerca visiva e musicale che si spinge oltre i confini che convenzionalmente separano le discipline. L’interazione tra colore e suono, si avvale di luci, video e una colonna sonora diffusa nel teatro per tutta la durata della Biennale.

mercoledì 6 settembre 2006 ore 19:00

COLLECTIVE INTELLIGENCE IN CONCERTO

Cantanti e musicisti interpretano i colori: un insolito mix di talenti che riunisce alcuni tra i più significativi “virtuosi” della scena internazionale Raiz (colta trasfigurazione vocale della cultura mediterranea), Sharabe (voce della tradizione persiana interpretata in chiave contemporanea), Sissi Atanassova (cantante definita la regina della Chalga, musica popolare balcanica), Daniela Diakova (mezzosoprano, riconosciuta interprete classica della tradizione gitana), Tony Tchakarov (tenore e sopranetto dalle sofisticatissime tecniche vocali). Le ambientazioni sonore sono curate Triggerz (music producer, anima sintetico-arcaica del gruppo e percussionista) e da Paolo Coggiola (compositore e ricercatore di armonie frattali). Alla chitarra: Boiko Petrov (arrangiatore di musica balcanica); al corno: Alfredo Arcobelli (primo corno dell’Orchestra del Conservatorio di Milano). Video di Peppe Bellucci, Peppe Pillone, Salvatore Giannone (artisti cinetici). Le luci sono progettate da Marco Rizzuto (direttore della fotografia per i grandi nomi della moda e del design). Gli abiti di scena sono disegnati da Philippe Werhahn e Anneli Pehrson (al loro esordio). Le illustrazioni sono realizzate da Elena von Hessen (artista berlinese).

COLLECTIVE INTELLIGENCE: the human web for new ideas

Collective Intelligence è un gruppo interdisciplinare fondato da Massimo Caiazzo nel 1999, che spazia tra musica e colore nel contesto dell’arte, del design e della moda. Sviluppando un proprio approccio estetico, Collective Intelligence propone ambientazioni cromatiche e sonore, progetti sperimentali che indagano le infinite qualità espressive del colore e della musica, ideando e realizzando eventi, performances e mostre.

Come una colonia di formiche, Collective Intelligence ha il suo punto di forza nella rete di interazioni esistenti tra singoli e collettività. L’organizzazione di Collective Intelligence riprende le caratteristiche di flessibilità e robustezza proprie di una colonia di insetti sociali (come le formiche). La flessibilità, rende possibile l’adattamento a ogni nuova situazione e la robustezza, garantisce al gruppo solidità e autonomia nella realizzazione di ogni singolo progetto. Ogni formica, in modo autonomo, contribuisce, grazie al suo lavoro, alla costruzione dei comportamenti complessi necessari per garantire il perfetto funzionamento delle colonie (ad esempio scoprire il percorso più breve che separa il formicaio da una fonte di cibo o combattere un predatore).

Il gruppo non si ispira a nessun movimento artistico in particolare, nè le sonorità si collocano in un preciso genere musicale. Elemento costante è la rilettura in chiave contemporanea delle intuizioni di grandi artisti che, pur costituendo un inesauribile serbatoio d’ispirazione per i linguaggi contemporanei, sono a torto poco conosciuti. Da Sergei Paradjanov, regista armeno rinchiuso nei gulag dal regime comunista e dimenticato dopo la caduta del muro di Berlino, fino a compositori costantemente saccheggiati, come Isac Albéniz, Joaqin Rodrigo, Gabriel Fauré, Manuel De Falla, Reynaldo Hahn, Marcel Tournier e tanti altri.

In sei anni diintensa attività, Collective Intelligence ha sviluppato importanti progetti, collaborando con prestigiose istituzioni come la Triennale di Milano, il Museo di Arte contemporanea di Villa Croce a Genova e il Mart, Museo di Arte contemporanea di Rovereto.

Il collettivo, sotto la direzione artistica di Massimo Caiazzo, si avvale della costante collaborazione di Triggerz (Alfredo Pulcrano) music producer, Peppe Bellucci editor e video producer, Marco Rizzuto direttore della fotografia, Elena von Hessen illustratrice, e di Ciro Liguori, impegnato nella ricerca di produzioni audiovisive indipendenti. I sodalizi instauratisi con tanti artisti della scena internazionale rendono Collective Intelligence sempre vivace e continuamente cangiante. Con il gruppo interagiscono cantanti (Raiz, Tony Tchakarov, Sharabe, Caterina Lazagna, Cristina Donà, compositori (Giovanni Venosta, Paolo Coggiola), musicisti (Boiko Petrov, Alfredo Arcobelli) fashion designer (Philippe Werhahn, Anneli Pherson), film maker (Brian Tufano, VideoProf) graphic designer (Salvatore Giannone, Peppe Pillone), architetti e designer (Atelier Mendini, Officina Alessi, Antonio Citterio, Smallfish).

Nel 2004 lincontro con Raffaele Cardone, co-ideatore del Festival della Mente e con Paolo Giulini, produttore delle voci bulgare Sissi Atanassova e Daniela Diakova segna una svolta, concretizzandosi immediatamente in una proficua collaborazione caratterizzata da una profonda intesa culturale, che arricchisce il gruppo di nuovi e straordinari artisti.

Principali progetti realizzati da Collective Intelligence con la direzione artistica di Massimo Caiazzo

2005

La tavolozza del collezionista, con Peppe Bellucci (video), performance sulla simultaneità, focus del sincronismo tra musica e colore. Con Sharabe (voce) e Triggerz (musiche originali e sound design). MART, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.

Commento musicale per la mostra “Art of Italian Design”, Atene (GR), ispirato alla musica leggera italiana degli ultimi quarant’anni. Arrangiamenti e pianoforte Giovanni Venosta, voce Sharabe, fisarmonica Fausto Beccalossi, digital sound Massimo Mariani.

Ambientazione sonora per la manifestazione ReDesign, Soho Gallery, Milano. Sound design: MrQ.

Reading musicale con Raiz, live performance con Raiz e Triggerz, contributo video di Messmatik, su reading dei testi di Alessandro Mendini, in occasione della chiusura della mostra Pulviscoli, 2468 disegni di Alessandro Mendini presso il giardino della Triennale di Milano.

Il suono dei Pulviscoli, sonorizzazione originale per la mostra Pulviscoli, 2468 disegni di Alessandro Mendini presso la Triennale di Milano. Musiche originali e sound design di Triggerz, con la partecipazione di Raiz, Cristina Donà, Sissi Atanassova, Daniela Diakova, Caterina Lazagna e le voci di alcuni studenti dello IED. Produzione di un CD allegato al catalogo della mostra.

Sonorizzazione originale per la mostra Openair design a cura di Interni-Mondadori presso la Triennale di Milano. Sound design: Triggerz.

2004

Concerto per Normali Meraviglie, live performance nell ambito di Genova 2004 Capitale della cultura europea presso i Magazzini del cotone, porto antico di Genova. Per la prima volta insieme, sul palcoscenico della mostra curata da Mendini, le tre voci più rappresentative della scena musicale bulgara: Sissi Atanassova (cantante zingara di chalga), Daniela Diakova (mezzosoprano e gipsy) e Tony Tchakarov (tenore, voce bianca), accompagnati da Triggerz (percussioni, live electronics), Gianni Ricciardi (basso), Petyo Petrov (gaida, strumento bulgaro simile alla zampogna) e Boyko Petkov (chitarra). Musiche originali realizzate e riarrangiate da Triggerz, Gianni Ricciardi e Boiko Petkov. Coreografia dinamica e mobile, con le performances di Pulsar Dance Company e di Teodora Radeva, ballerina di kiutchek, particolare stile balcanico di danza del ventre. Un omaggio al cinema di Sergei Paradjanov con video performati dal vivo.

Decori Vaganti, Festival della Mente, Fortezza di Sarzana. Un dialogo e una performance sul processo creativo. Oggetti e architetture trasfigurate giocano con lo spazio il suono e il colore. Immagini in movimento, scandite dal ritmo delle percussioni e della danza, propongono una coreografia dinamica al canto dei testi poetici di Alessandro Mendini. Raiz: voce, Triggerz: sound design, percussioni, live electronics, Pulsar Dance Company: danza contemporanea, Peppe Bellucci: video e regia con la collaborazione di Eduardo Grimaldi.

2003

Concerto Fluido, la prima coinvolgente esperienza di contaminazione tra sonorità sintetiche e musica tradizionale bulgara, una eccezionale esibizione dal vivo in occasione della mostra Earthly Paradise organizzata dalla rivista Interni agli East End Studios di Milano. Voce: Toni Tchakarov; percussioni, live electronics: Triggerz; synth: Giovanni Ricciardi; narratore e basso: Steve Piccolo; theremin: Gak Sato; corno: Alfredo Arcobelli; testi: Alessandro Mendini.

Carpe Diem live set di Raiz e Paolo Polcari per Di Nepi

Musiche originali per la Banda Alessi, installazione di cavatappi Sandro M. disegnati da Alessandro Mendini, sound design di Triggerz.

2002

Commento musicale per sette microarchitetture nel corso della manifestazione Interni in piazza a Milano, Olis Music.

Tema dell’installazione Riflessi infiniti di Jacopo Foggini, ispirato ai grandi compositori dell’Ottocento, sound design di Triggerz.

Ambientazione sonora per la mostra di Alessandro Mendini Fragilisme, Fondation Cartier di Parigi, con Raiz, una memorabile performance di sola voce.

2001

Colonne sonore cromatiche per la presentazione delle collezioni autunno-inverno e primavera-estate dello stilista Nino Cerruti al Pitti Uomo di Firenze, sound design di Triggerz.

Ambientazioni sonore per la mostra Alessandro Mendini tra le Arti a Vicenza, Barcellona, Munster e Lipsia.

Produzione del CD Mandarin per Enzo degli Angiuoni, una reinterpretazione di brani tardo romantici, eseguiti da Francesca Bascialli al pianoforte e Vanessa Petrò al violoncello.

2000

Sonorità per i rintocchi dell’orologio del quartiere  Maghetti a Lugano, in collaborazione con Sound Cage.

Ambientazione sonora per l’esposizione di tessuti antichi Turkestan, organizzata da Enzo Degli Angiuoni nella chiesa di S. Paolo Converso a Milano, sound design di Frank Fellicchio.

Essere ben Essere, musica per sette colori e sette strumenti per una grande mostra dedicata al design organizzata alla Triennale di Milano dalla rivista Interni. Progetto musicale realizzato da Triggerz, con la collaborazione del chitarrista classico Aniello Desiderio, il sassofonista Daniele Sepe e Raiz che si è anche esibito dal vivo nella serata d inaugurazione.

1999

Ambientazione sonora per l’installazione di Antonio Citterio a New York, nell’ambito della rassegna dedicata al design made in Italy.

Musiche per la “Giostrina Alessi” di Alessandro Mendini, presentata ad Hannover. Un omaggio al compositore Nino Rota in collaborazione con Sound Cage.

Ideazione e coordinamento della manifestazione organizzata da Isad Milano (Istituto Superiore Architettura e Design) dal titolo “Color is Music”. Un progetto nato in collaborazione con gli studenti del corso di design, che ha prodotto una serie di concerti “sinestetici” ambientati in Largo Isarco, nello spazio allestito da Jacopo Foggini e presso lAtelier Mendini. Sei piccole mostre di pittura con Ultrapop, Sergio Cascavilla, Fulvia Mendini, Salvatore Vargas, Adriano Abbado, Rosita. Un vero e proprio festival ispirato all’eteropercettività del colore articolato in tre serate, presentate dal conduttore televisivo Gianni Ippoliti, durante le quali si sono esibiti Raiz e Paolo Polcari degli Alma Megretta, l’arpista Cecilia Chailly, il cornista Alfredo Arcobelli.

COLLECTIVE INTELLIGENCE

viale Bligny, 26 20136 Milano

tel/fax ++39 02 58301169

info@collective-intelligence.net

http://www.collective-intelligence.net

ufficio stampa:

Lorenzo Di Palma: lorenzo.dipalma@gmail.com +39 347 8270042

Emanuela Bergantino: emanuela.bergantino@libero.it +39 339 8416998

Nadia Tozzoli: nadia.t@libero.it +39 339 8349018

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>